ASSOPROVIDER è a favore della tutela del Diritto d'Autore!

Il "PEZZOTTO" danneggia i provider indipendenti !

Comunicato stampa del 18/7/2023

Legge AntiPirateria spazzerà 2mila imprese dal mercato

La denuncia di Assoprovider, l’associazione degli Operatori di Prossimità, nei confronti della legge Mollicone, entrata in vigore: “Non è efficace e metterà a rischio 10mila posti di lavoro”

La “Legge Anti Pirateria” metterà in ginocchio oltre duemila piccole e medie imprese delle tlc e più di 10mila posti di lavoro”. Questa è la denuncia di Assoprovider, l’associazione degli Operatori di Prossimità si scaglia duramente contro il provvedimento Mollicone che, per bloccare le piattaforme che diffondono illecitamente eventi live, tra cui sport, film e programmi di intrattenimento, obbliga i provider, a proprie spese, a intervenire prontamente disabilitando l’accesso ai contenuti illeciti.

Secondo l’associazione il testo di legge è inefficace e porterà alla cancellazione in un colpo solo delle piccole e medie imprese che operano nel settore. Parliamo di un mercato di circa 2.000 imprese (di cui l’associazione rappresenta il 12%):

Questi obblighi imposti ai provider costringeranno le aziende, che hanno in media tre o quattro dipendenti e un fatturato che a malapena raggiunge i 500.000 euro, ad assumere almeno altre quattro persone per garantire un servizio di controllo 24 ore su 24, inclusi i sabati, le domeniche e le festività. Stiamo parlando di costi che arrivano a 200.000 o 300.000 euro all'anno. Come potranno queste aziende far fronte a tali costi senza correre il rischio di fallire?”, afferma Gian Battista Frontera, presidente di Assoprovider.
“Oltre a non essere efficace questa legge favorisce ancora le grandi multinazionali, molte delle quali hanno interessi diretti nel comparto dello streaming, a discapito delle piccole e medie imprese”, denuncia Frontera. L'associazione continuerà a fare pressione presso gli organi competenti, come fatto già negli scorsi mesi, per chiedere a senatori e senatrici un’assunzione di responsabilità e dunque di fare un passo indietro, rispetto a questo disegno di legge
: Manifesteremo il nostro radicale dissenso in ogni forma possibile a tutela del settore e dei principi che da sempre ispirano il nostro lavoro”, conclude Frontera“.

19/7 - CusanoTv

21/7 - Repubblica

24/7 - Il Fatto Quotidiano

Hits: 318