Blog

Hotspot per tutti i cittadini a Pietrastornina: la mission di Consulsat di Assoprovider

Assoprovider sempre in prima linea per portare la Rete a tutti i cittadini. Proprio questa è la mission dell’iniziativa di uno dei nostri membri, Consulsat di Antonella Oliviero che, in collaborazione con l’amministrazione comunale di Pietrastornina (provincia di Avellino) ha attivato un hotspot per la fruizione gratuita di Internet per i cittadini.

Hotspot, un valore aggiunto per la comunità

Gli hotspot si stanno diffondendo in tutto il mondo. Rappresentano un servizio necessario che permette agli utenti fruitori di poter restare online sia per lavoro che per svago, e soprattutto aiutano i turisti a trovare le attività commerciali di cui hanno bisogno, e le aziende del territorio a promuoversi. Un affare win win in cui vincono tutti, come racconta Amato Rizzo, sindaco di Pietrastornina:

«Internet accessibile tramite gli hot spot rappresenta un valore aggiunto per una comunità che vuole guardare all’Europa. Aumenta l’efficacia di comunicazione dei portali istituzionali, con possibilità di accesso ai servizi informativi connessi, appunto, alle Istituzioni, al turismo e al sociale, fruibili attraverso l’uso dei dispositivi, oggi, di maggiore diffusione: smartphone, tablet e tutti gli altri dispositivi mobili».

Hotspot per ridurre il divario digitale

L’iniziativa, presentata negli scorsi giorni, all’interno del convegno  “Internet Accessibile – Una rete di opportunità”, ha anche un altro nobile obiettivo: quello di diminuire il divario digitale in piccoli comuni, quei tanti in Italia, in cui le grandi compagnie non hanno interesse a operare:

«Fedeli ai principi che ci legano ad Assoprovider abbiamo partecipato con entusiasmo a quest’iniziativa. Un provider trova la sua più grande ragione di esistere nella dimensione sociale. Solo aiutando lo sviluppo di una comunità, è possibile migliorare la vita degli altri, e con questa anche il proprio business », ha dichiarato Antonella Oliviero di Consulsat e consigliere nazionale di Assoprovider.

«Il confronto con gli altri membri di Assoprovider dimostra poi che il problema del digital divide è un’emergenza nazionale, e non solo un problema del Sud. Iniziative come queste possono servire da sprone per tutti», ha aggiunto.

Guarda il video per scoprire come si è svolta la giornata…>

Condividi questo post