Blog

Wifi: 5 modi per ottimizzarlo al meglio scegliendo tu il router

La tua Rete wifi domestica può incontrare vari problemi che ne rallentano la velocità. Ecco cinque consigli per ottimizzare il tuo segnale wifi.

Il wifi è ormai come l’acqua del rubinetto. Tutti si aspettano di entrare in casa e di collegarsi alla Rete. Eppure a volte succede che il wifi non funziona, magari proprio nel momento in cui stai guardando in streaming la tua serie tv preferita. Quanto può essere frustrante? Se questo succede, è perché non hai apportato alcuni semplici accorgimenti che aumentano la potenza del segnale.

Prima di iniziare a spiegarti in questo post come fare per ottimizzare la tua Rete wifi,  ti ricordiamo di pretendere sempre dal tuo provider di poter scegliere da solo il router.

Questa è una importante battaglia di Assoprovider, ed è chiaro che lasciare al cliente la libertà di scelta del router potrebbe non fare l’interesse economico dei grandi operatori telefonici.  Questi ultimi spesso provano ad usare il “router gratis” per obbligarti, sotto minaccia di penali, a rimanere chiuso nell’offerta per anni.

Il nostro consiglio iniziale, quindi, è di pensare bene all’offerta di connessione e di preferire quella che più di tutti ti riserva questa libertà.

Ciò premesso, ecco i nostri consigli per risolvere i problemi della tua rete wifi domestica.

Wifi casa: il posizionamento del router

Molti dei problemi legati alla potenza del segnale wifi in casa sono causati da problemi di posizionamento. Anche se sei bravo a installare il router, è molto importante sapere esattamente dove posizionarlo. Il segnale infatti risulta debole, per esempio, se lo hai posizionato a un’altezza troppo bassa. Questo perché le onde radio incontrano, in questo caso, molti più ostacoli. È quindi utile adagiarlo nel posto più alto possibile.

Per lo stesso scopo fate attenzione se il router è posizionato nei pressi di microonde, dispositivi bluetooth o luci. Oppure se è dietro un pilastro di cemento. In questi casi, il segnale tenderà ad essere disturbato e quindi a diminuire.  Oltre che nel punto più alto, cerca anche di posizionarlo al centro della casa: solo così il segnale potrà coprire i punti diversi della tua abitazione.

Connessione wifi lenta: controlla la frequenza

Un’altra causa di rallentamento del segnale wifi potrebbe essere ricercata in una sovraesposizione, magari con l’appartamento del tuo vicino. I router trasmettono il segnale sulla frequenza 2,4 Ghz, che include 14 canali. Può capitare che anche i tuoi vicini stiamo trasmettendo sullo stesso canale e questo può provocare problemi di sovraesposizione.

Come fare a risolverli? Devi tornare sulla configurazione del tuo router e cercare un canale meno “intasato”. Gli ultimi modelli di router sono in grado di individuare in modo automatico il canale più libero, ma esistono anche alcuni software che possono aiutarti. Uno di questi è WI-Fi Analyzer.

Wifi password: forse è il momento di cambiarla?

Lo spazio di banda non è infinito. Quindi potrebbe intasarsi se per esempio hai svelato la password del tuo wifi al vicino, o se qualcuno è riuscito a individuarla: ormai esistono tecniche che permettono di farlo in modo semplice.

Mettere la tua password del wifi nelle mani di qualcuno è un rischio, non solo perché può rallentarti la connessione, ma soprattutto per la sicurezza dei tuoi dati e perchè ti potrebbe esporre a responsabilità per fatto commesso da altri su Internet utilizzando la tua connessione. Se pensi che la tua connessione sia stata compromessa, cambia la password del tuo wifi.

Connessione wifi: libera spazio

Ci sono programmi, come ad esempio quelli che sfruttano le piattaforme streaming o quelle per i videogame, che hanno bisogno di una grande quantità di banda per funzionare. Ecco perché può capitare che, proprio mentre stai facendo un lavoro urgente, la tua connessione rallenti in modo vistoso.

In questo caso, la soluzione è chiudere applicazioni e programmi che richiedono molta banda: vedrai che tornerai a navigare a una velocità accettabile.

Esistono strumenti che possono poi aiutarti a ridurre e ottimizzare il consumo dei dati. NetBalancer è uno dei più conosciuti. Cosa ti permette di fare? Il programma riporta la larghezza di banda occupata, consentendoti quindi di impostare delle priorità sull’utilizzo della banda. Potrai inoltre impostare una soglia massima di consumo per ogni programma selezionato.

Segnale wifi: potenzialo con extender e powerline

Esistono poi alcuni dispositivi che consentono di migliorare il segnale wifi. Uno di questi è l’extender, in sostanza un’antenna che “cattura” il segnale e poi lo rilancia, aumentando il volume dell’area coperta dal wifi. Anche gli extender vanno posizionati nella stanza dove è presente il router.

Altra soluzione che può esserti utile sono i powerline, una tecnologia che fa passare la connessione Internet tramite prese elettriche. Un powerline va attaccato alla presa e porta il segnale Internet dall’altra parte della casa. È ideale, soprattutto, per case grandi, dove risulta complesso far arrivare il segnale in ogni stanza.

Gli adattatori Powerline più economici hanno prestazioni pari a 200Mbps, poi ci sono quelli da 500Mbps, quelli da 600Mbps e infine quelli da 1200Mbps.

Condividi questo post